Massimo Siragusa

Labor Limae

Un’azienda che si rivolge a Massimo Siragusa vuole dare di sé un’immagine decisamente contemporanea. La bellezza delle sue fotografie deriva da una sorta di illuminazione che pervade l’immagine, associata a una composizione rigorosa che non costituisce ostacolo all’originalità e alla varietà. Il successo di questo fotografo dimostra la maturità dei suoi clienti nell’utilizzo della fotografia. Molte di queste aziende hanno basato l’immagine del loro marchio sul raffinato design industriale, specialità tutta italiana. Massimo Siragusa è stato per loro un alleato capace di valorizzare l’immagine dei prodotti, creando composizioni visive eccezionali e declinando, al tempo stesso, la propria personalità.

A2A. Centrale elettrica, Gissi, Chieti, 2009

Agusta Westland. Interno dell'elicottero AW139, catena di montaggio, Vergiate, Varese, 2011

Benetti. Costruzione di yacht e megayacht
Viareggio, 2005

A20. Termovalorizzatore, Brescia, 2009

Brembo. Impianti frenanti per automobili e motocicli Stezzano, Bergamo, 2008

Nato nel 1958 in Catania.
Vive e lavora a Roma.

LABOR LIMAE di Renata Ferri

Ci sono fotografi che inventano storie, mettono in scena sentimenti, relazioni, rappresentano il mondo partendo da un’idea che realizzano attingendo alla loro fantasia creativa.
Altri documentano la realtà cercando, attraverso la propria cifra stilistica, di interpretarla.
Massimo Siragusa è un autore che da sempre percorre il solco tra questi due mondi.
Le sue immagini rappresentano il mondo certo, ma ciò che vediamo réale non è mai. Sperimentatore instancabile, Siragusa è in continua evoluzione, formale e tecnica, controlla meticolosamente la luce e la prospettiva, volto a trasformare con il linguaggio fotografico la percezione che ha del mondo circostante.
È un alchimista che combina i dettagli, i colori, i volumi e le forme nel dialogo visivo tra reale e immaginario. In questa ricerca l’autore crea la bellezza effimera in cui gli elementi del nostro quotidiano acquistano sembianze fantastiche.
Credo che per Massimo Siragusa questo processo avvenga ben prima che l’immagine sia realizzata: come una premonizione di bellezza, come sapesse dell’incanto che la proiezione di quel mondo susciterà in chi lo guarda.
Siragusa raffigura uno spazio armonico in cui siamo pervasi dal colore e quando la sua fotografia incontra l’industria, la rappresentazione degli ambienti e delle cose non perde la magia, tutt’altro, perché è come se da questo dialogo tra immagini e prodotti nascesse una nuova fiaba che narra l’energia umana capace di creare lo spazio e la materia.
Un mondo inanimato di forme ergonomiche, dove lo spazio progettato è abitato da impianti, macchine e oggetti, irradiato dalla luce e dal colore dell’autore. Ognuno recita la sua par te, mai casuale, combinazioni distillate in una scansione perfetta che rende la materia viva.
Nelle diverse serie che compongono il percorso di Massimo Siragusa, fotografo per le aziende, c’è la conservazione della sua poetica. Rinunciando alla rigida divisione tra ricerca personale e committenza, l’autore fa suoi oggetti e luoghi.
Sono convinta che la sua intima nécessita sia trasporre dal reale al fantastico per restituire a ciò che vediamo la bellezza dell’incanto e farci tornare a guardare con lo stupore della scoperta.

Renata Ferri

Fotografie
© Massimo Siragusa/ Contrasto

www.massimosiragusa.it
www.contrasto.it